Amauri-Palermo, storia infinita: “Amo i rosa, cose pazzesche con Miccoli…”

0

Una storia infinita. Quella che ha legato Carvalho de Oliveira, o semplicemente Amauri, alla maglia del Palermo. In rosanero l’attaccante ha vissuto la fase più luminosa della propria carriera italiana. E proprio delle esperienze in Sicilia è tornato a parlare, in collegamento da Miami.

“Si è trattato di amore eterno, per ciò che riguarda Palermo. Poi mi ha chiamato la Juventus – ha ricordato Amauri, su SkySport – e a quel punto non ho potuto dire di no. Ho vissuto anni fantastici, dal 2005 in poi ho avuto una continuità pazzesca, a Palermo facevo le cose che prima riuscivo a fare solo in allenamento, poi dopo 8 anni di gavetta e di lottare per non retrocedere, è arrivata la grande squadra, la Juventus è stata una bella soddisfazione”.

FENOMENO MICCOLI

Fra i flashback più belli, quelli degli “scambi” con “FM10”: “A Palermo andava tutto bene, i miei compagni giocavano per me e io per loro. Io ricordo – ha detto – le giocate con Miccoli, mi riusciva tutto. Fabrizio lo considero un fratello, un fenomeno, gli ho visto fare cose pazzesche, purtroppo abbiamo giocato poco insieme, l’anno con lui è stato molto intenso, ci siamo fatti tanti assist, è stato un onore giocare con lui. Palermo per me sarà un amore eterno, sono un tifoso rosanero – ha sottolineato – e ringrazio ancora il popolo palermitano che mi ha fatto provare emozioni che restano chiare e splendide nella mia mente, c’è un grande affetto tra di noi”.

AMAURI-DEL PIERO

Fra i ricordi del brasiliano, anche l’esperienza con la maglia della Juventus. “Ero l’attaccante del momento e fui ricevuto benissimo, il primo anno andò bene, facevo coppia con Del Piero, ho ricordi indelebili di certe partite. Rifarei tutto – spiega -, anche se l’anno dopo abbiamo avuto problemi in società, mancava un po’ tutto, ma la Juve è una grande squadra e non ho rimpianti, ricordo le partite con il Real Madrid in Champions, in coppia con Alex. È giusto sapere che in quegli anni non c’era la società che c’è oggi con il presidente Agnelli, purtroppo ai miei tempi non c’era l’organizzazione che hanno oggi”.

VISITA LE NOSTRE PAGINE FACEBOOK

ISCRIVITI ALLE NOSTRE COMMUNITY

[adrotate banner="18"]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui