Pergolizzi è sereno, mangerà il panettone natalizio

0

Il Natale è ormai alle porte. Il clima natalizio invade la città già da fine novembre e in queste ultime ore si svolgono i preparativi conclusivi per le grandi feste. Il cenone, il 25 e Santo Stefano. In questi giorni rossi, nel calendario, il pensiero di ogni palermitano è rivolto soltanto al cibo e al panettone. Il dolce tipico del periodo natalizio che viene assaporato al termine delle consuete abbuffate che avvengono in questo periodo dell’anno. Nel mondo calcistico il panettone è spesso associato alla figura dell’allenatore che lo mangia, nel momento in cui, riesce a salvare la panchina prima del termine dell’anno.

ALLENATORI IN PARTENZA A NATALE

Questo slogan è comunemente utilizzato a Palermo. L’ormai ex presidente Zamparini, non per altro, era soprannominato il mangia allenatori. Nella storia del club ci sono stati, infatti, tanti tecnici che, tra il periodo di dicembre e gennaio, hanno dovuto far le valigie. Uno che ricordiamo su tutti è Devis Mangia per una divertente circostanza. L’ex tecnico nella conferenza stampa pre-natalizia portò con se, davanti ai giornalisti, un panettone che gli causò solo danni. Perché solo dopo pochi giorni l’imprenditore friuliano decise di mandarlo a casa. Non spetterà questo destino all’attuale allenatore Rosario Pergolizzi.

LA SOCIETA’ HA FIDUCIA

Per la gioia, o tristezza, dei tifosi, il tecnico palermitano potrà festeggiare il Natale sereno, sicuro del posto nella panchina rosanero. La società non ha lanciato segnali che possano far pensare che il suo ruolo sia in pericolo. Con una netta e pubblica affermazione il vicepresidente, Tony Di Piazza, ha confermato la sua massima fiducia nell’allenatore e nella squadra attuale, nonostante i risultati, nelle ultime giornate di campionato, siano venuti a mancare.

IL PENSIERO DEI TIFOSI

Proprio in questo momento non positivo per i rosanero, la tifoseria ha cominciato a dubitare delle capacità di Pergolizzi. Dopo il pareggio con il Troina in casa di domenica scorsa, la distanza tra allenatore e sostenitori del Palermo si è ulteriormente allargata. Una delle motivazioni che vengono attribuite al tecnico, per giustificare un possibile esonero, è la sua incapacità nel saper incidere nella creazione del gioco. Certamente, nel girone di ritorno, Pergolizzi avrà tempo e modo per poter smentire le voci negative sul suo operato.

INUTILE SOGNARE

Se la società capitanata da Mirri avesse deciso di esonerare il tecnico palermitano questo sarebbe stato periodo più logico. Non tanto per l’ultima partita pareggiata ma quanto per la sosta che è già in corso. Il Palermo infatti, scenderà in campo il prossimo 5 gennaio e, un cambio di allenatore, in questo momento la sosta poteva esser utilizzata per avere giorni a disposizione e quindi il tempo necessario a tecnico e giocatori per conoscersi meglio.

METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui